Login

Inserisci

Ultime News:

20 September 2017
Il singolo condomino può prolungare a sue spese la corsa dell'ascensore

La Corte d’Appello di Milano, con sentenza del 18 maggio 2017, ha affermato che l’intervento di prolungamento della corsa dell’ascenso...»

19 September 2017
Notifica PEC a destinatario non reperibile: legittima la disciplina della legge fallimentare

Le procedure di notificazioni attivate nella fase pre-fallimentare pervengono all'attenzione della Suprema Corte che, con l’ordinanza n....»

30 March 2017
La condanna del de cuius non fa stato nei confronti dell’erede che agisce iure proprio

La pronuncia resa in giudizio per il risarcimento del danno da sinistro stradale nel quale la parte risulti convenuta quale erede del danneg...»

Chi paga le spese condominiali per l'alloggio pignorato

04 May 2016

Succede di frequente che, nel condominio, vi siano una o più unità immobiliari ed oggetto di esecuzioni immobiliari o procedure concorsuali in Tribunale (fallimenti) e che si debba attendere la vendita all'asta prima che qualcuno subentri nella proprietà. In questo lasso di tempo, i proprietari non versano più le spese condominiali; prima che si arrivi all'acquisto da parte dell'aggiudicatario dell'asta possono anche passare diversi anni ed il debito dei morosi diventa notevole. Il problema è che la vita condominiale prosegue e le spese maturano continuamente. Fino a quando l'immobile non viene acquistato all'asta, gli altri condomini devono provvedere alle spese a cui il moroso non riesce a far fronte, dividendosele, pro quota (cioè applicando la tabella generale millesimale). Se l'unità immobiliare è affittata, l'inquilino dovrebbe pagare il canone al locatore ed il condominio potrebbe tentare un pignoramento presso terzi chiedendo di acquisire il canone dall'inquilino. Per le spese condominiali di pertinenza dell'inquilino (e non versate), l'amministratore non ha però azione diretta verso l'inquilino moroso. Chi subentra nei diritti di un condomino (anche acquistando all'asta), anche dopo la riforma del condominio, è obbligato solidalmente con questo al pagamento (solo) dei contributi condominiali relativi alla gestione dell'anno in corso e di quello precedente (art. 63 disp. att.cod.civ.)