Login

Inserisci

Ultime News:

19 November 2018
SCIA: gli orientamenti della giurisprudenza

Segnalazione certificata di inizio attività La segnalazione certificata di inizio attività (s.c.i.a.) – disciplinata, in via generale, ...»

14 November 2018
Il prezzo dell'usufrutto e della nuda proprietà spiegata dal notaio

Come si determina il prezzo dell'usufrutto di una casa e della corrispondente nuda proprietà? "Il prezzo della nuda proprietà si stabi...»

08 November 2018
Il valore probatorio dell'estratto conto bancario

L'estratto conto, richiesto dall'art. 50 TUB per la concessione del decreto ingiuntivo a favore delle banche, deve essere una indicazione an...»

Responsabilità civile: la domanda risarcitoria si estende automaticamente al terzo chiamato

28 September 2016

Nel caso preso in questione, due condomini, titolari di un appartamento, avevano condvenuto in giudizio altri due condomini, proprietari dell'unità immobiliare sovrastante, per sentirli condannare al risarcimento dei danni da infiltrazioni da acqua piovana. I convenuti , resistendo in giudizio, avevano chiamato in causa il condominio a cui attribuivano la responsabilità dell'evento dannoso. Il condominio, costituitosi in giudizio, cihamava a sua volta in garanzia la compagnia di assicurazioni che resisteva in giudizio. Il giudice di pace accoglieva la domanda condannando il condominio al risarcimento del danno in favore degli attori. Tale sentenza era tuttavia riformata dal tribunale adito in sede di gravame dal condominio. In particolare, il giudice d'appello riteneva che gli attori avevano sempre e solo richiesto, anche dopo la chiamata in causa del condominio, la condanna dei condomini convenuti al risarcimento, di modo che la condanna ai danni direttamente nei confronti del condominio era stata pronunciata senza che vi fosse domanda in tal senso da parte degli attori. La Cassazione, sez. VI, con sentenza 6 aprile 2016 n. 6623 ha accolto il ricorso e cassato con rinvio la pronuncia impugnata, sottolineando che la chiamata in causa del condominio, da parte dei convenuti, indica in quest'ultimo il soggetto responsabile dei danni, cui la causa medesima, deve, pertanto, ritenersi comune. Ne deriva, conclude l'ordinanza, che, non trattandosi di chiamata in garanzia nè propria nè impropria, la domanda attorea deve ritenersi estesa di diritto al condominio.